Diario dell'ipertensione umana (Febbraio 2020)

Un metodo di adattamento della regione per la stima del tempo di transito degli impulsi: potenziale per migliorare l'accuratezza nel determinare la velocità dell'onda del polso femorale carotidea

Un metodo di adattamento della regione per la stima del tempo di transito degli impulsi: potenziale per migliorare l'accuratezza nel determinare la velocità dell'onda del polso femorale carotidea

Soggetti Irrigidimento arterioso Astratto La velocità dell'onda del polso carotidea femorale (cfPWV) è il 'gold standard' per la valutazione della rigidità arteriosa. L'affidabilità della misurazione cfPWV dipende dalla stima del tempo di transito degli impulsi (PTT). Questo studio mirava a convalidare un metodo di abbinamento della regione per determinare PTT e cfPWV rispetto ai metodi esistenti "piede a piede". So

Associazione di adipokine con pressione sanguigna negli adolescenti cinesi rurali

Associazione di adipokine con pressione sanguigna negli adolescenti cinesi rurali

Astratto Precedenti ricerche hanno dimostrato che le adipokine influenzano la pressione sanguigna (BP). Esistono dati limitati in adolescenti sani, che si trovano in un periodo critico per prevenire lo sviluppo di BP alta. Questo studio ha studiato l'associazione di leptina, adiponectina e il rapporto leptina-adiponectina (LAR) con BP negli adolescenti cinesi rurali

Sindrome metabolica e aldosteronismo primario: tempo di rivalutazione?

Sindrome metabolica e aldosteronismo primario: tempo di rivalutazione?

Soggetti Malattie delle ghiandole surrenali Ipertensione Sindrome metabolica Recenti studi hanno affrontato il problema di un'associazione di anomalie metaboliche con aldosteronismo primario (PA). In uno studio prospettico, siamo stati i primi a riportare una prevalenza più elevata di sindrome metabolica, come definita dai criteri del Panel Panel per adulti (ATP) III, in una vasta popolazione di pazienti con PA rispetto ai pazienti con ipertensione essenziale (EH) (41 vs 29%, P <0, 05).

Rapporti tra sindrome metabolica e massa ventricolare sinistra in pazienti ipertesi: il sesso è importante?

Rapporti tra sindrome metabolica e massa ventricolare sinistra in pazienti ipertesi: il sesso è importante?

Astratto Numerosi studi hanno documentato un'associazione tra sindrome metabolica (MetS) e ipertrofia ventricolare sinistra (LV). Tuttavia, solo in alcuni di questi studi l'impatto del MetS sulla massa ventricolare sinistra (LVM) è stato analizzato separatamente per genere, con risultati contrastanti.

Gestione alterata del folato renale in pazienti ipertesi con danno nefroangiosclerotico

Gestione alterata del folato renale in pazienti ipertesi con danno nefroangiosclerotico

Nel contesto dell'associazione dibattuta tra omocisteina (Hcy) e ipertensione, abbiamo tentato di isolare possibili meccanismi specifici sottostanti, ipotizzando che una perdita di folati urinari inadeguatamente elevata e cronica secondaria a un danno nefroangiosclerotico ipertensivo possa favorire l'insorgenza di iperomocisteinemia

Sindrome metabolica e ipertrofia ventricolare sinistra in una popolazione generale. Risultati dello studio Gubbio

Sindrome metabolica e ipertrofia ventricolare sinistra in una popolazione generale. Risultati dello studio Gubbio

Astratto Lo scopo di questo studio era di studiare la prevalenza della sindrome metabolica (SM), diagnosticata secondo i criteri della Federazione internazionale del diabete (IDF) e la sua relazione con i parametri ecocardiografici della struttura e della funzione cardiaca. Lo studio è stato condotto su 707 soggetti, di età compresa tra 45 e 54 anni, dello studio sulla popolazione Gubbio che è stato sottoposto a un esame completo comprendente misurazione delle dimensioni del corpo, della pressione sanguigna (BP) e della frequenza cardiaca, elettrocardiogramma a 12 derivazioni, ecocardiografia D

Relazione tra indice caviglia-brachiale con mortalità per tutte le cause e mortalità cardiovascolare dopo un follow-up di 3 anni: lo studio di coorte sull'indice caviglia-caviglia cinese

Relazione tra indice caviglia-brachiale con mortalità per tutte le cause e mortalità cardiovascolare dopo un follow-up di 3 anni: lo studio di coorte sull'indice caviglia-caviglia cinese

Astratto Questo studio mirava a studiare la relazione dell'indice caviglia-brachiale (ABI) con la mortalità per tutte le cause e la mortalità cardiovascolare (CV) nei pazienti ricoverati cinesi dopo 3 anni di follow-up. Tutti i partecipanti erano pazienti ospedalizzati ad alto rischio di aterosclerosi e arruolati da luglio a novembre 2004.

Collegare l'infiammazione e l'ipertensione nell'uomo: studi nei pazienti con sindrome di Bartter / Gitelman

Collegare l'infiammazione e l'ipertensione nell'uomo: studi nei pazienti con sindrome di Bartter / Gitelman

L'infiammazione e la relazione tra infiammazione, angiotensina II (Ang II) e la sua segnalazione sono state riconosciute che svolgono un ruolo critico nell'ipertensione e nell'aterosclerosi, ma pochi dati sono disponibili nell'uomo. Abbiamo esplorato i pazienti con sindrome di Bartter / Gitelman (BS / GS), che non sviluppano ipertensione e relativo rimodellamento cardiovascolare e aterosclerosi nonostante alti livelli di Ang II, lo stato di infiammazione attraverso la valutazione dei fattori inclusi nella segnalazione Ang II coinvolti nell'infiammazione, e abbiamo trovato ra

Relazione tra polimorfismi del gene dell'aldosterone sintasi (C-344T) e recettore dei mineralcorticoidi (S810L) e ipertensione gestazionale

Relazione tra polimorfismi del gene dell'aldosterone sintasi (C-344T) e recettore dei mineralcorticoidi (S810L) e ipertensione gestazionale

Soggetti Predisposizione genetica alla malattia Variazione genetica Pre-eclampsia Astratto L'entità dell'influenza genetica nell'eziologia dell'ipertensione gestazionale non è stata completamente determinata. Lo scopo di questo studio era di analizzare la relazione tra i livelli di aldosterone e il polimorfismo -344T / C del gene dell'aldosterone sintasi ( CYP11B2 ) e di studiare la frequenza della mutazione S810L del recettore dei mineralcorticoidi (MR) nell'ipertensione gestazionale.

Tendenze di prevalenza, consapevolezza, trattamento e controllo dell'ipertensione nelle aree rurali della Cina settentrionale nel periodo 1991-2011

Tendenze di prevalenza, consapevolezza, trattamento e controllo dell'ipertensione nelle aree rurali della Cina settentrionale nel periodo 1991-2011

Soggetti Epidemiologia Ipertensione terapeutica Astratto Questo studio mira a studiare le tendenze in termini di prevalenza, consapevolezza, trattamento e controllo dell'ipertensione tra i residenti rurali di età compresa tra 35 e 74 anni nella Cina settentrionale durante il rapido sviluppo economico del Paese dal 1991 al 2011.

Rischio di ipertensione nei pazienti con cancro trattati con sorafenib: una revisione sistematica aggiornata e una meta-analisi

Rischio di ipertensione nei pazienti con cancro trattati con sorafenib: una revisione sistematica aggiornata e una meta-analisi

Soggetti Effetti collaterali Cancro Terapia farmacologica Ipertensione Astratto È stato riportato che Sorafenib, un inibitore della multi-chinasi, è associato all'ipertensione (HTN). Tuttavia, il rischio di grave HTN con trattamento con sorafenib non è stato ben descritto. Abbiamo eseguito una meta-analisi aggiornata di HTN di alto grado nei pazienti con cancro trattati con sorafenib. I

Con quale anticipo dovrebbe essere raggiunto il controllo della pressione arteriosa per risultati cardiovascolari ottimali?

Con quale anticipo dovrebbe essere raggiunto il controllo della pressione arteriosa per risultati cardiovascolari ottimali?

Soggetti Malattia renale cronica Terapia farmacologica combinata Ipertensione Diabete di tipo 2 Astratto Come conseguenza dell'invecchiamento della popolazione e dell'aumento dei tassi di prevalenza per condizioni come il diabete di tipo 2 e la malattia renale cronica (CKD), la gestione dell'ipertensione si concentrerà sempre di più sul paziente ad alto rischio.

Ipertensione difficile da controllare a causa di microadenomi surrenali bilaterali che producono aldosterone associati a un macroadenoma surrenalico che produce cortisolo

Ipertensione difficile da controllare a causa di microadenomi surrenali bilaterali che producono aldosterone associati a un macroadenoma surrenalico che produce cortisolo

Soggetti Malattie delle ghiandole surrenali Tumori surrenali Ipertensione Chirurgia Astratto La paziente era una donna di 54 anni che ha sviluppato un tumore surrenalico destro, caratteristiche di Cushingoid, livelli elevati di cortisolo che non sono stati soppressi da 1 o 8 mg di desametasone e soppressione di adrenocorticotropina (ACTH) durante il trattamento per l'ipertensione grave

Misurazione della pressione sanguigna oscillometrica inaffidabile: prevalenza, ripetibilità e caratteristiche del fenomeno

Misurazione della pressione sanguigna oscillometrica inaffidabile: prevalenza, ripetibilità e caratteristiche del fenomeno

Astratto I dispositivi oscillometrici vengono ampiamente utilizzati per la misurazione ambulatoriale, della pressione sanguigna a casa e in ufficio (BP). Tuttavia, anche i dispositivi oscillometrici validati con successo non riescono a fornire misurazioni accurate in alcuni pazienti. Questo studio ha studiato la prevalenza, la riproducibilità e le caratteristiche del fenomeno della misurazione non affidabile della PA oscillometrica (UOBP).

Cambiamenti posturali della pressione arteriosa e prevalenza di ipotensione ortostatica negli anziani residenti in casa di età pari o superiore a 75 anni

Cambiamenti posturali della pressione arteriosa e prevalenza di ipotensione ortostatica negli anziani residenti in casa di età pari o superiore a 75 anni

Astratto Questa analisi trasversale di una coorte basata sulla popolazione studia i cambiamenti posturali della pressione sanguigna (BP) e della frequenza cardiaca e valuta la prevalenza dell'ipotensione ortostatica (OH) e le sue associazioni con i medicinali usati da una popolazione anziana. La popolazione dello studio ( n = 1000) era un campione casuale di persone di età pari o superiore a 75 anni nella città di Kuopio, in Finlandia.

Ipertensione e fibrillazione atriale parossistica: un nuovo ruolo predittivo della proteina C-reattiva ad alta sensibilità nella cardioversione e nella recidiva a lungo termine

Ipertensione e fibrillazione atriale parossistica: un nuovo ruolo predittivo della proteina C-reattiva ad alta sensibilità nella cardioversione e nella recidiva a lungo termine

Soggetti Fibrillazione atriale biomarkers Ipertensione terapeutica Astratto Il ruolo dell'infiammazione nel mantenimento della fibrillazione atriale parossistica (PAF) nei pazienti con ipertensione e nessun'altra malattia cardiaca non è stato ancora completamente chiarito. Abbiamo studiato l'associazione di vari marcatori infiammatori con cardioversione e recidiva di PAF in pazienti con ipertensione.

Le prestazioni diagnostiche della porzione medio-regionale del peptide natriuretico pro-atriale per la rilevazione dell'ipertrofia ventricolare sinistra nei pazienti ipertesi caucasici

Le prestazioni diagnostiche della porzione medio-regionale del peptide natriuretico pro-atriale per la rilevazione dell'ipertrofia ventricolare sinistra nei pazienti ipertesi caucasici

Soggetti Ipertrofia cardiaca Diagnosi Ipertensione Ormoni peptidici Astratto L'ipertrofia ventricolare sinistra (LVH) è predittiva di malattie cardiovascolari. Il vasodilatatore, le azioni natriuretiche e diuretiche del peptide natriuretico atriale (ANP) supportano un ruolo nella fisiopatologia dell'ipertensione.

L'impatto della pressione del polso sull'accuratezza della misurazione della pressione sanguigna del polso

L'impatto della pressione del polso sull'accuratezza della misurazione della pressione sanguigna del polso

Astratto Vi è un numero crescente di dispositivi di misurazione della pressione sanguigna da polso che hanno superato con successo le procedure di validazione della British Hypertension Society (BHS) e della European Society of Hypertension (ESH). Non è noto, tuttavia, se la pressione del polso come marker di rigidità arteriosa e invecchiamento vascolare influenzi l'accuratezza di questi dispositivi. U

L'impatto di una o due dosi mancate sulla durata dell'azione di perindopril e indapamide combinati

L'impatto di una o due dosi mancate sulla durata dell'azione di perindopril e indapamide combinati

Una rettifica di questo articolo è stata pubblicata il 19 giugno 2008 Astratto Per valutare la persistenza dell'effetto antiipertensivo di perindopril 4 mg + indapamide 1, 25 mg una volta al giorno fino a 72 ore con la tecnica della "dose dimenticata". I pazienti ipertesi sono stati inizialmente trattati con perindopril 2 mg + indapamide 0, 625 mg una volta al giorno.

Associazione preferenziale di polimorfismo del gene dell'aldosterone sintasi con pressione sanguigna centrale e riflessi d'onda in soggetti ipertesi

Associazione preferenziale di polimorfismo del gene dell'aldosterone sintasi con pressione sanguigna centrale e riflessi d'onda in soggetti ipertesi

Astratto Nell'uomo iperteso, il genotipo CC del polimorfismo del gene dell'aldosterone sintasi (ASGP) CYP11B 2 (variante C-344T ) è associato ad una maggiore rigidità aortica. Non è mai stato valutato se ASGP sia anche associato a riflessi d'onda centrale (carotide) alterati. Dopo un periodo di wash-out di 1 mese, 124 soggetti ipertesi sono stati sottoposti a misurazioni della pressione arteriosa sistolica brachiale e carotidea (SBP), della velocità dell'onda del polso aortica (PWV) e dei riflessi dell'onda, utilizzando l'indice di aumento carotideo (CAI) determinato dal

Ostacoli al raggiungimento degli obiettivi di trattamento della pressione arteriosa negli anziani ipertesi

Ostacoli al raggiungimento degli obiettivi di trattamento della pressione arteriosa negli anziani ipertesi

Soggetti Geriatria Ipertensione terapeutica Astratto L'ipertensione (BP) è molto diffusa tra gli anziani e anche con la terapia farmacologica la BP è difficile da controllare ai livelli raccomandati di orientamento. Sebbene la scarsa aderenza alla terapia sia associata a un minor controllo della pressione arteriosa, si sa poco riguardo ad altri ostacoli al raggiungimento della PA target durante il trattamento.

Polimorfismi dell'angiotensinogeno e dell'enzima di conversione dell'angiotensina associati alla malattia arteriosa degli arti inferiori nello studio sulla salute, l'invecchiamento e la composizione corporea

Polimorfismi dell'angiotensinogeno e dell'enzima di conversione dell'angiotensina associati alla malattia arteriosa degli arti inferiori nello studio sulla salute, l'invecchiamento e la composizione corporea

Astratto Il ruolo dei geni del sistema renina-angiotensina (RAS) sul rischio di malattia arteriosa degli arti inferiori (LEAD) negli anziani rimane poco chiaro. Abbiamo valutato la relazione dei polimorfismi genetici nella RAS: G-6A, T174M e M235T del gene angiotensinogen (AGT) e la variante di inserzione / eliminazione dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE_I / D) con il rischio di LEAD in Health, Aging e studio sulla composizione corporea (Health ABC)

La differenza di pressione arteriosa interarmare come predittore di eventi cardiovascolari nei pazienti con ipertensione in terapia primaria: studio di coorte

La differenza di pressione arteriosa interarmare come predittore di eventi cardiovascolari nei pazienti con ipertensione in terapia primaria: studio di coorte

Astratto Gli obiettivi di questo studio erano di misurare la prevalenza di una differenza di pressione sanguigna (BP) tra le braccia e determinare se una differenza è associata ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari o morte. Uno studio di coorte prospettico su 247 pazienti con ipertensione è stato intrapreso in una pratica generale rurale in Inghilterra.

Variazione genetica endoteliale dell'ossido nitrico sintasi e rischio essenziale di ipertensione in cinese Han: lo studio Fangshan

Variazione genetica endoteliale dell'ossido nitrico sintasi e rischio essenziale di ipertensione in cinese Han: lo studio Fangshan

Dei geni candidati ritenuti logici per la suscettibilità all'ipertensione di un individuo, il gene della sintesi sintetica dell'ossido nitrico endoteliale (NO) (proteina: eNOS e gene: eNOS ) è alto. Le prove stanno crescendo suggerendo che una maggiore produzione o biodisponibilità dell'enzima eNOS che sintetizza NO nelle cellule endoteliali può portare al rilascio costitutivo di NO, che esercita effetti vasoprotettivi nella regolazione della pressione sanguigna (BP). 1,

Profilo della pressione arteriosa ambulatoriale interdialytic in una coorte di pazienti cinesi

Profilo della pressione arteriosa ambulatoriale interdialytic in una coorte di pazienti cinesi

Soggetti Ipertensione Astratto La gestione dell'ipertensione è uno degli interventi fondamentali nei pazienti in dialisi. Tuttavia, il profilo della pressione arteriosa interdialitica (BP) nei pazienti con dialisi cinese rimane sfuggente. Miriamo a studiare questo problema e l'effetto dei farmaci antiipertensivi in ​​questa popolazione. Abb

L'elevata assunzione di frutta è associata a un minor rischio di ipertensione futura determinato dalla misurazione della pressione arteriosa domestica: lo studio OHASAMA

L'elevata assunzione di frutta è associata a un minor rischio di ipertensione futura determinato dalla misurazione della pressione arteriosa domestica: lo studio OHASAMA

Soggetti Ipertensione Supplementi nutrizionali Esame fisico Astratto Indaghiamo le associazioni di assunzione di frutta e verdura con il rischio di ipertensione futura utilizzando la pressione sanguigna domestica in una popolazione generale di Ohasama, in Giappone. Abbiamo ottenuto dati da 745 residenti di età 35 anni senza ipertensione domestica al basale. L

Impatto del polimorfismo PPARGC1A Gly482Ser su anomalie strutturali e funzionali del ventricolo sinistro in pazienti con ipertensione

Impatto del polimorfismo PPARGC1A Gly482Ser su anomalie strutturali e funzionali del ventricolo sinistro in pazienti con ipertensione

Soggetti Ipertensione Astratto È stato riportato che il polimorfismo Gly482Ser nel coattivatore gamma-recettore 1α (PPARGC1A) attivato dal proliferatore del perossisoma contribuisce allo sviluppo dell'ipertrofia ventricolare sinistra (LV). Poco si sa, tuttavia, sul suo possibile impatto sulla disfunzione cardiaca.

Il rilassamento endotelio-dipendente è resistente all'inibizione della sintesi dell'ossido nitrico, ma sensibile al blocco dei canali del potassio attivati ​​dal calcio nell'ipertensione essenziale

Il rilassamento endotelio-dipendente è resistente all'inibizione della sintesi dell'ossido nitrico, ma sensibile al blocco dei canali del potassio attivati ​​dal calcio nell'ipertensione essenziale

Astratto Nell'ipertensione essenziale umana (EH), il rilassamento endotelio-dipendente può verificarsi indipendentemente dall'ossido nitrico (NO) e dalla prostaciclina (IGP 2 ). Dati recenti in vivo suggeriscono che una rapida sovraregolazione compensativa del citocromo endoteliale P 450 epoxygenase 2C9 si verifica per preservare la vasorilassazione in condizioni di ridotta biodisponibilità.

Screening per la non aderenza al trattamento antiipertensivo come parte del percorso diagnostico verso la denervazione renale

Screening per la non aderenza al trattamento antiipertensivo come parte del percorso diagnostico verso la denervazione renale

Soggetti Malattia cardiovascolare Ipertensione renovascolare Astratto La denervazione renale è una potenziale opzione terapeutica per l'ipertensione resistente. Prima di questa procedura è necessaria una valutazione clinica approfondita per escludere cause reversibili / spurie di resistenza alla terapia antiipertensiva.

Associazione del polimorfismo del gene C-344T dell'aldosterone sintasi con fattori di rischio e sopravvivenza in una coorte post-infarto del miocardio

Associazione del polimorfismo del gene C-344T dell'aldosterone sintasi con fattori di rischio e sopravvivenza in una coorte post-infarto del miocardio

Il genotipo TT del polimorfismo C-344T nella regione regolatoria 5 'del gene dell'aldosterone sintasi (CYP11B2) è stato associato a ipertensione (HT), ipertrofia cardiaca, livelli più alti di aldosterone nel plasma e nel tessuto surrenale e metaboliti dell'aldosterone nelle urine, aumento dell'aldosterone in rapporto renina e HT.

Il DHAS è correlato all'ipertensione? Forse, ma è ancora impossibile esserne certi

Il DHAS è correlato all'ipertensione? Forse, ma è ancora impossibile esserne certi

Soggetti Ipertensione Ormoni steroidei Quantitativamente, il deidroepiandrosterone solfato (DHAS) è il più importante androgeno surrenalico. Tuttavia, è uno steroide che viene raramente misurato con l'unica indicazione abituale di indagare l'irsutismo femminile. Ci sono stati solo alcuni piccoli studi sulla relazione tra DHAS e ipertensione con risultati contrastanti, quindi lo studio più ampio riportato da Carroll et al. 1

Componenti della pressione sistolica arteriosa e spettri di oscillazione dell'intervallo RR in un caso di insufficienza baroriflessa, un modello umano a circuito aperto di controllo vascolare

Componenti della pressione sistolica arteriosa e spettri di oscillazione dell'intervallo RR in un caso di insufficienza baroriflessa, un modello umano a circuito aperto di controllo vascolare

Astratto Il controllo della circolazione barorefless è sempre operativo e modula la pressione sanguigna e le oscillazioni della frequenza cardiaca. Pertanto, lo studio della variabilità cardiovascolare nell'uomo viene eseguito in un modello a circuito chiuso e la fisiologia della denervazione post-senoaortica è completamente sconosciuta nell'uomo. A

Percezione di pressione sanguigna incontrollata e comportamenti per migliorare la pressione sanguigna: risultati del sondaggio del 2009 sulla vita con le malattie croniche in Canada

Percezione di pressione sanguigna incontrollata e comportamenti per migliorare la pressione sanguigna: risultati del sondaggio del 2009 sulla vita con le malattie croniche in Canada

Astratto Gli individui con ipertensione dovrebbero abbassare e mantenere i loro livelli di pressione sanguigna attraverso la modifica dello stile di vita e / o la farmacoterapia. Per determinare se la percezione del controllo della pressione arteriosa è correlata a comportamenti e intenzioni per migliorare la pressione arteriosa, sono stati analizzati i dati di 6142 canadesi di età superiore ai 20 anni con ipertensione auto-segnalata.

L'epidemiologia e la gestione dell'ipertensione grave

L'epidemiologia e la gestione dell'ipertensione grave

Astratto Le linee guida per l'ipertensione sottolineano che i pazienti con ipertensione grave (pressione arteriosa sistolica (BP) 180 o diastolica BP 110 mm Hg) richiedono più farmaci per ottenere il controllo e devono avere un attento follow-up per prevenire esiti avversi. Tuttavia, si sa poco sull'epidemiologia o sulla gestione effettiva di questi pazienti. Abb

Insulino-resistenza in soggetti maschi giovani e magri con ipertensione essenziale

Insulino-resistenza in soggetti maschi giovani e magri con ipertensione essenziale

Soggetti Diagnosi Ipertensione Disturbi metabolici L'articolo originale è stato pubblicato il 15 luglio 2010 Correzione a : Journal of Human Hypertension (2011) 25 , 391–400; 10.1038 / jhh.2010.72; pubblicato online il 15 luglio 2010 Dopo la pubblicazione, gli autori hanno notato che uno dei numeri di sovvenzione nella sezione Ringraziamenti era errato. L

Ipertensione in Messico e tra i messicani americani: prevalenza e schemi di trattamento

Ipertensione in Messico e tra i messicani americani: prevalenza e schemi di trattamento

Una rettifica di questo articolo è stata pubblicata il 21 agosto 2008 Astratto Una maggiore integrazione sociale ed economica attraverso i confini tra Stati Uniti e Messico ha portato a importanti nuovi sviluppi nella sanità pubblica. Livelli più bassi di mortalità cardiovascolare sono stati osservati tra gli americani messicani (MA) sebbene siano stati intrapresi pochi confronti diretti con il Messico. Us

Costi sanitari di losartan e candesartan nel trattamento primario dell'ipertensione

Costi sanitari di losartan e candesartan nel trattamento primario dell'ipertensione

Soggetti Terapia farmacologica Economia Ipertensione Astratto Un recente studio di due bloccanti del recettore dell'angiotensina ampiamente utilizzati ha riportato un ridotto rischio di eventi cardiovascolari (-14, 4%) durante l'uso di candesartan rispetto a losartan nel trattamento primario dell'ipertensione

Supportare l'autogestione dell'ipertensione: esperienze dei pazienti nell'uso di un sistema basato sul telefono cellulare

Supportare l'autogestione dell'ipertensione: esperienze dei pazienti nell'uso di un sistema basato sul telefono cellulare

Soggetti Modifica dello stile di vita Astratto A livello globale, l'ipertensione è scarsamente controllata e il suo trattamento consiste principalmente di comportamento preventivo, aderenza al trattamento e gestione dei fattori di rischio. Lo scopo di questo studio era di esplorare le esperienze dei pazienti di un sistema interattivo basato su telefono cellulare progettato per supportare l'autogestione dell'ipertensione.

Le varianti del promotore dell'angiotensinogeno influenzano l'espressione genica nel rene umano e nel tessuto adiposo viscerale

Le varianti del promotore dell'angiotensinogeno influenzano l'espressione genica nel rene umano e nel tessuto adiposo viscerale

Astratto I polimorfismi del promotore del gene dell'angiotensinogeno umano (AGT) (G − 217A; A − 20C; G − 6A) influenzano la trascrizione dell'AGT in vitro e sono stati implicati nella genetica dell'ipertensione essenziale. Abbiamo analizzato l'associazione tra varianti di promotore AGT e livelli di mRNA di AGT nel rene umano e nel tessuto adiposo viscerale (IVA) in vivo . Camp

Predittori del diabete mellito di nuova insorgenza nei pazienti ipertesi: lo studio VALUE

Predittori del diabete mellito di nuova insorgenza nei pazienti ipertesi: lo studio VALUE

Astratto Il diabete mellito si sviluppa spesso in pazienti con ipertensione. Abbiamo studiato i predittori dello sviluppo del diabete mellito negli ipertesi a rischio di sviluppare la malattia nella popolazione di studio VALUE. Tra i 9995 pazienti ipertesi non diabetici al basale, 1298 pazienti hanno sviluppato diabete mellito durante il follow-up medio di 4, 2 anni

Determinanti della riflessione dell'onda di pressione: caratterizzazione in base all'ampiezza dell'onda riflessa indipendente dal tempo di transito

Determinanti della riflessione dell'onda di pressione: caratterizzazione in base all'ampiezza dell'onda riflessa indipendente dal tempo di transito

Soggetti Biologia cardiovascolare Astratto Gli effetti della riflessione delle onde di pressione sono stati descritti in modo incompleto dall'indice di aumento centrale (cAI) e dalla pressione aumentata (Pa). Abbiamo quindi studiato i determinanti dell'ampiezza dell'onda riflessa (Pb), che è indipendente dal tempo di transito dell'onda riflessa (RWTT) e ha dimostrato di prevedere la mortalità cardiovascolare nella popolazione generale.

Effetti dell'allenamento con vibrazione di tutto il corpo sulla riflessione delle onde aortiche e sulla forza muscolare nelle donne in postmenopausa con preipertensione e ipertensione

Effetti dell'allenamento con vibrazione di tutto il corpo sulla riflessione delle onde aortiche e sulla forza muscolare nelle donne in postmenopausa con preipertensione e ipertensione

Soggetti Ipertensione Obesità Controllo del peso Astratto L'aumento della riflessione delle onde (pressione aumentata (AP) e indice di aumento (AIx)) e la riduzione della forza muscolare possono aumentare il rischio cardiovascolare nelle donne in postmenopausa. Abbiamo valutato gli effetti dell'allenamento con esercizi di vibrazione su tutto il corpo (WBVET) sull'emodinamica aortica e sulla forza muscolare delle gambe.

Associazione tra ipertensione legata alla gravidanza e gravità dell'ipertensione

Associazione tra ipertensione legata alla gravidanza e gravità dell'ipertensione

Astratto L'ipertensione in gravidanza è un fattore di rischio emergente specifico del sesso per le malattie cardiovascolari e può portare a ipertensione più grave dopo la gravidanza. Gli obiettivi di questo studio erano di studiare la frequenza dell'ipertensione correlata alla gravidanza tra i pazienti sottoposti a una clinica per l'ipertensione e la sua associazione con la gravità dell'ipertensione e l'evidenza di danno agli organi terminali. In

Misurazioni della pressione arteriosa domestica associate a un migliore controllo della pressione arteriosa: lo studio J-HOME

Misurazioni della pressione arteriosa domestica associate a un migliore controllo della pressione arteriosa: lo studio J-HOME

Astratto L'utilità delle auto-misurazioni della pressione arteriosa (BP) a casa (misurazioni della pressione arteriosa domestica) in pazienti ipertesi è stata segnalata da molti studi. Diverse linee guida nazionali raccomandano l'uso delle misurazioni della PA domestica per ottenere un migliore controllo dell'ipertensione.

Effetto dell'antagonista del recettore dell'angiotensina II olmesartan sulla pressione arteriosa mattutina nell'ipertensione: studio HONEST a 16 settimane

Effetto dell'antagonista del recettore dell'angiotensina II olmesartan sulla pressione arteriosa mattutina nell'ipertensione: studio HONEST a 16 settimane

Soggetti Farmacologia clinica Terapia farmacologica Ipertensione Astratto I livelli di pressione arteriosa mattutina a domicilio (BP) sono più strettamente associati al rischio cardiovascolare rispetto ai livelli di BP clinica. Tuttavia, il controllo della PA mattutina è stato peggiore di quello della BP clinica nella pratica clinica.

Aumento della risposta trombotica e alterata della risposta fibrinolitica all'esercizio acuto in pazienti con ipertensione essenziale: l'effetto del trattamento con un bloccante del recettore dell'angiotensina II

Aumento della risposta trombotica e alterata della risposta fibrinolitica all'esercizio acuto in pazienti con ipertensione essenziale: l'effetto del trattamento con un bloccante del recettore dell'angiotensina II

Soggetti Terapia farmacologica Ipertensione Astratto L'ipertensione essenziale (EH) è caratterizzata da una maggiore tendenza trombotica e da un'attività fibrinolitica compromessa. Tuttavia, i cambiamenti indotti dall'esercizio fisico nella coagulazione e nella fibrinolisi non sono ancora stati chiariti.

Ipertensione nella regione Asia-Pacifico

Ipertensione nella regione Asia-Pacifico

L'ipertensione è un grave onere per la salute e la principale causa di morte nel mondo. 1 Sebbene l'ipertensione sia più comune nei paesi economicamente sviluppati che in quelli economicamente in via di sviluppo, è un onere della popolazione maggiore in questi ultimi a causa della popolazione molto più ampia. 2

Cluster di fattori di rischio metabolico predicono eventi cardiovascolari nell'ipertensione con danno agli organi bersaglio: lo studio LIFE

Cluster di fattori di rischio metabolico predicono eventi cardiovascolari nell'ipertensione con danno agli organi bersaglio: lo studio LIFE

Astratto La relazione della sindrome metabolica (MetS) con gli esiti cardiovascolari può essere meno evidente quando è presente una malattia cardiovascolare preclinica. Abbiamo analizzato, in un'analisi post hoc , se MetS predisse eventi cardiovascolari in pazienti ipertesi con ipertrofia ventricolare sinistra elettrocardiografica (ECG-LVH) nello studio Losartan Intervention For Endpoint (LIFE) nello studio dell'ipertensione.

Modelli di prescrizione antiipertensiva, sospensione e passaggio tra una popolazione cinese di Hong Kong da oltre un milione di prescrizioni

Modelli di prescrizione antiipertensiva, sospensione e passaggio tra una popolazione cinese di Hong Kong da oltre un milione di prescrizioni

Per valutare la prescrizione, l'interruzione e la commutazione dei profili degli agenti antiipertensivi, abbiamo studiato le registrazioni informatizzate per i pazienti prescritti farmaci antiipertensivi nelle cliniche governative di assistenza primaria di Hong Kong tra gennaio 2004 e giugno 2007, che includono 1 069 836 visite di farmaci antiipertensivi (che rappresentano 67 028 pazienti )

Dimetilarginina asimmetrica, arginina e omoarginina alla gestazione e alla preeclampsia di 11-13 settimane: uno studio caso-controllo

Dimetilarginina asimmetrica, arginina e omoarginina alla gestazione e alla preeclampsia di 11-13 settimane: uno studio caso-controllo

Soggetti Pre-eclampsia Biologia riproduttiva Astratto Lo scopo di questo studio era di indagare se la via dell'ossido nitrico (NO) è alterata nelle gravidanze che sviluppano preeclampsia (PE). Questo è stato uno studio nidificato controllo-caso di screening per PE, in cui la dimetilarginina asimmetrica plasmatica (ADMA), la L -arginina e la L-omoarginina sono state misurate a 11 + 0–13 +6 settimane. In

Stress precoci e livelli di pressione arteriosa nella tarda età adulta

Stress precoci e livelli di pressione arteriosa nella tarda età adulta

Soggetti Ipertensione Psicologia Astratto Lo stress grave sperimentato nella prima infanzia può avere conseguenze a lungo termine sulle funzioni fisiologiche dell'adulto. Abbiamo studiato gli effetti a lungo termine della separazione sui livelli di pressione sanguigna in soggetti non obesi che sono stati temporaneamente separati durante l'infanzia dai loro genitori durante la Seconda Guerra Mondiale (Seconda Guerra Mondiale).

GenSalt: logica, design, metodi e caratteristiche di base dei partecipanti allo studio

GenSalt: logica, design, metodi e caratteristiche di base dei partecipanti allo studio

Astratto L'ipertensione è un disturbo complesso influenzato da determinanti genetici e ambientali e dalle loro interazioni. Gli obiettivi della rete di sensibilità al sale dell'epidemiologia genetica (GenSalt) sono di localizzare e identificare i geni correlati alle risposte della pressione sanguigna (BP) all'intervento dietetico di sodio e potassio.

Impatto dell'ipertensione sul rimodellamento vascolare nei pazienti con artrite psoriasica

Impatto dell'ipertensione sul rimodellamento vascolare nei pazienti con artrite psoriasica

Soggetti Ipertensione Artrite psoriasica Malattie vascolari Astratto Abbiamo studiato l'impatto dell'ipertensione insieme ai tradizionali e nuovi fattori di rischio cardiovascolare sulle proprietà strutturali e funzionali delle arterie nei pazienti con artrite psoriasica (PsA). Abbiamo esaminato 42 soggetti PsA (di età compresa tra 51 ± 9 anni) stratificati in base allo stato ipertensivo (19 normotesi, PsA-NT e 23 ipertesi, PsA-HT). T

Storia familiare di ipertensione, parametri antropometrici e marker di aterosclerosi precoce in soggetti giovani sani

Storia familiare di ipertensione, parametri antropometrici e marker di aterosclerosi precoce in soggetti giovani sani

Astratto La predisposizione alla trombogenesi è aumentata nell'ipertensione essenziale e i pazienti ipertesi sono inclini a sviluppare placche aterosclerotiche più vulnerabili. Per valutare la possibile influenza della storia familiare di ipertensione su alcuni indicatori di aterosclerosi precoce, abbiamo studiato ottantacinque individui sani normotesi con (FH +) o senza (FH−) storia familiare di ipertensione essenziale misurando il profilo metabolico e le concentrazioni di P-selectina, interleuchina 6 e matrice metalloproteinasi (MMP) -2, MMP-9 e inibitore tissutale della metalloproteinasi

Percezione del gusto salino e relazione con la pressione arteriosa nei diabetici di tipo 2

Percezione del gusto salino e relazione con la pressione arteriosa nei diabetici di tipo 2

I pazienti con diabete di tipo 2 (normotensivi, n = 59; ipertensivi, n = 56) e controlli abbinati ( n = 60) hanno determinato la percezione del gusto salino usando soluzioni di NaCl classificate (0–400 mmol l--1). Ipertesi diabetiche, normotesi diabetiche e controlli differivano significativamente nella soglia del gusto per il riconoscimento di NaCl (F = 4, 4, P = 0, 01) e nella prevalenza di insensibilità al gusto di NaCl ( P = 0, 003). L

Selezione di pazienti per il monitoraggio ambulatoriale in ambito di assistenza primaria

Selezione di pazienti per il monitoraggio ambulatoriale in ambito di assistenza primaria

Qualsiasi misurazione clinica della pressione arteriosa (BP) è effettivamente una misura surrogata per la "vera" BP del paziente, che potrebbe essere definita pragmaticamente come il livello medio di BP per un periodo di tempo prolungato. Sono stati sviluppati due metodi per migliorare la stima della BP "vera": monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa (ABPM) e monitoraggio domiciliare (o automonitoraggio) della BP.

Il possibile ruolo della variabilità del cromosoma X nella familiarità ipertensiva

Il possibile ruolo della variabilità del cromosoma X nella familiarità ipertensiva

Soggetti Genetica Ipertensione Astratto La familiarità partecipa alla patogenesi dell'ipertensione, anche se solo recentemente studi di genoma intero hanno proposto regioni del genoma umano eventualmente coinvolte nella trasmissione del fenotipo ipertensivo. Sebbene gli studi si siano concentrati principalmente sull'autosoma, finora l'influenza del sesso sulla trasmissione familiare dell'ipertensione non è stata presa in considerazione.

Terapia dell'ipertensione negli anziani: conosciamo le risposte a tutte le domande? Lo stato dopo la pubblicazione del documento di consenso degli esperti ACCF / AHA 2011 sull'ipertensione negli anziani

Terapia dell'ipertensione negli anziani: conosciamo le risposte a tutte le domande? Lo stato dopo la pubblicazione del documento di consenso degli esperti ACCF / AHA 2011 sull'ipertensione negli anziani

Soggetti Geriatria Ipertensione terapeutica In Europa l'aspettativa di vita media alla nascita è passata da circa 45 anni nel 1900 a 65, 6 anni nel 1950-1955 a 75, 1 anni nel 2005-2010, e nell'UE27 dovrebbe salire a 85, 3 anni per le donne e 80, 0 anni per uomini. 1, 2 Un fatto altrettanto importante è che il numero di europei di età pari o superiore a 65 anni dovrebbe aumentare del 45% tra il 2008 e il 2030 e persino oltre il 30% della popolazione entro il 2060. 1

Il significato clinico dello spessore intima-media carotideo nelle malattie cardiovascolari: un sondaggio a Pechino

Il significato clinico dello spessore intima-media carotideo nelle malattie cardiovascolari: un sondaggio a Pechino

Astratto Questo studio ha lo scopo di studiare le relazioni tra gli eventi cardiovascolari prevalenti (infarto del miocardio, ictus e malattia arteriosa periferica) e lo spessore dell'intima-media carotideo (CIMT) negli adulti di mezza età e anziani; per valutare quale degli indici, l'IMT nell'arteria carotide comune (CCA), nell'arteria carotide interna (ICA) e nella biforcazione carotidea (CB) separatamente o in combinazione, è una correlazione migliore.

Olmesartan / amlodipina vs olmesartan / idroclorotiazide in pazienti ipertesi con sindrome metabolica: lo studio OLAS

Olmesartan / amlodipina vs olmesartan / idroclorotiazide in pazienti ipertesi con sindrome metabolica: lo studio OLAS

Soggetti Farmacologia clinica Terapia farmacologica combinata Ipertensione Sindrome metabolica Astratto Abbiamo studiato gli effetti del trattamento con olmesartan / amlodipina e olmesartan / idroclorotiazide su parametri infiammatori e metabolici (incluso il diabete di nuova insorgenza come endpoint secondario) in pazienti ipertesi non diabetici con sindrome metabolica (MetS)

Proteina C-reattiva come predittore di ipertensione nel gruppo di studio sulla prevalenza del fattore di rischio cardiovascolare (CRISPS) di Hong Kong

Proteina C-reattiva come predittore di ipertensione nel gruppo di studio sulla prevalenza del fattore di rischio cardiovascolare (CRISPS) di Hong Kong

Astratto L'infiammazione contribuisce allo sviluppo dell'ipertensione. Non è noto se la proteina C-reattiva (CRP) abbia un ruolo causale nell'ipertensione. Abbiamo studiato la relazione tra i livelli circolanti di CRP e ipertensione. È stato studiato il ruolo dei polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) nel gene CRP come determinanti dei suoi livelli plasmatici e della propensione a sviluppare ipertensione.

Una standardizzazione della stima del GFR aumenta l'accuratezza della valutazione del rischio cardiovascolare?

Una standardizzazione della stima del GFR aumenta l'accuratezza della valutazione del rischio cardiovascolare?

Soggetti Ipertensione Fattori di rischio Il rilevamento accurato dei fattori di rischio è un prerequisito fondamentale per strategie efficaci di prevenzione dell'ipertensione arteriosa. La compromissione della funzionalità renale è uno di questi fattori di rischio. Numerosi studi hanno costantemente dimostrato che il tasso di filtrazione glomerulare stimato (eGFR) è altamente associato alla prevalenza dell'ipertensione. 1,

Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare in una popolazione anziana di basso livello sociale: lo studio ICON (Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare negli anziani napoletani)

Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare in una popolazione anziana di basso livello sociale: lo studio ICON (Miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare negli anziani napoletani)

Astratto L'età avanzata e le condizioni socioeconomiche basse sono associate a uno scarso controllo dei fattori di rischio cardiovascolare (RF). Abbiamo valutato la prevalenza e la consapevolezza delle RF cardiovascolari in 503 pazienti ambulatoriali anziani di basso stato sociale che frequentano due cliniche pubbliche di medicina interna a Napoli e abbiamo studiato l'interazione tra livello di istruzione e livello di occupazione con profilo di rischio.

Ipertensione e sindrome da apnea ostruttiva del sonno: prospettive attuali

Ipertensione e sindrome da apnea ostruttiva del sonno: prospettive attuali

Astratto La sindrome da apnea ostruttiva del sonno (OSAS), dovuta al collasso delle vie aeree superiori, è una condizione comune ma ancora sottovalutata. La relazione di tipo "dose-risposta" tra OSAS e ipertensione (HT) è stata ora chiaramente dimostrata. Esistono diversi meccanismi che spiegano questa relazione, il principale è un aumento dell'attività simpatica durante le apnee. L&

L'etnia è un fattore di rischio per lo sviluppo della preeclampsia? Un'analisi della prevalenza della preeclampsia in Cina

L'etnia è un fattore di rischio per lo sviluppo della preeclampsia? Un'analisi della prevalenza della preeclampsia in Cina

Soggetti Epidemiologia Pre-eclampsia Fattori di rischio Astratto La preeclampsia è una delle principali complicanze della gravidanza. I fattori di rischio per la preeclampsia comprendono la popolazione e l'etnia regionale. Le donne cinesi che vivono al di fuori della Cina continentale hanno una prevalenza inferiore di preeclampsia rispetto ai caucasici residenti.

Mitigazione dell'edema correlato ai bloccanti dei canali del calcio nell'ipertensione da parte di antagonisti del sistema renina-angiotensina

Mitigazione dell'edema correlato ai bloccanti dei canali del calcio nell'ipertensione da parte di antagonisti del sistema renina-angiotensina

Astratto Questa recensione ha lo scopo di esaminare l'edema correlato al blocco dei canali del calcio (CCB) e come questo può essere attenuato attraverso l'uso di agenti che inibiscono il sistema renina-angiotensina. I CCB sono efficaci agenti antiipertensivi, ma la loro propensione a causare edema può ridurre la compliance.

Fattori di rischio per coronarica, arco aortico e calcificazione carotidea; Lo studio di Rotterdam

Fattori di rischio per coronarica, arco aortico e calcificazione carotidea; Lo studio di Rotterdam

Astratto Questo studio è stato condotto per esaminare l'associazione dei fattori di rischio cardiovascolare con la calcificazione nelle arterie coronarie, nell'arco aortico e nelle arterie carotidi, valutata mediante tomografia computerizzata multislice (MSCT). Questo studio è stato incorporato nello studio di Rotterdam, uno studio di popolazione su soggetti di età pari o superiore a 55 anni. D

Effetti di olmesartan medoxomil ad alte dosi più idroclorotiazide sul controllo della pressione arteriosa in pazienti con ipertensione di grado 2 e grado 3

Effetti di olmesartan medoxomil ad alte dosi più idroclorotiazide sul controllo della pressione arteriosa in pazienti con ipertensione di grado 2 e grado 3

Soggetti Terapia farmacologica combinata Ipertensione farmacodinamica Astratto Una dose elevata (40 mg) di olmesartan medoxomil (OM) blocca il recettore dell'angiotensina II, riducendo significativamente la pressione sanguigna (BP). L'aggiunta di idroclorotiazide (HCTZ) all'OM aumenta l'efficacia, ma non è stata valutata in pazienti non adeguatamente controllati dall'OM 40 mg.

Proteomica nell'ipertensione

Proteomica nell'ipertensione

Soggetti Ipertensione proteomica Astratto La proteomica, lo studio delle proteine ​​che compongono il proteoma, è emersa negli ultimi anni come uno strumento importante in diversi campi della ricerca medica per la diagnosi precoce della malattia, per la valutazione della risposta al trattamento e per svelare i meccanismi patofisiologici sottostanti. Seb

Livelli sierici materni di vitamina D a 11-13 settimane di gestazione in preeclampsia

Livelli sierici materni di vitamina D a 11-13 settimane di gestazione in preeclampsia

Soggetti Calcio e vitamina D Pre-eclampsia Astratto Questo studio ha lo scopo di determinare se i livelli sierici materni di vitamina D nel primo trimestre di gravidanza sono alterati nei casi che sviluppano preeclampsia (PE) e se i livelli sono correlati a marcatori biochimici e biofisici di perfusione e funzionalità placentare compromesse.

Efficacia di un algoritmo di trattamento con amlodipina / olmesartan in pazienti con o senza diabete di tipo 2 e ipertensione (un'analisi secondaria dello studio BP-CRUSH)

Efficacia di un algoritmo di trattamento con amlodipina / olmesartan in pazienti con o senza diabete di tipo 2 e ipertensione (un'analisi secondaria dello studio BP-CRUSH)

Soggetti Terapia farmacologica Ipertensione Diabete di tipo 2 Astratto Viene presentata un'analisi di sottogruppo prespecificata di uno studio in aperto, multicentrico, a braccio singolo, con titolazione della dose. L'efficacia e la sicurezza del trattamento di 20 settimane con un algoritmo amlodipina (AML) / olmesartan medoxomil (OM) ± idroclorotiazide (HCTZ) sono state valutate in pazienti con ipertensione e diabete mellito di tipo 2 (T2DM) non controllati dalla monoterapia antipertensiva.

Gene enzimatico che converte l'angiotensina e restringimento arteriolare retinico: lo studio Funagata

Gene enzimatico che converte l'angiotensina e restringimento arteriolare retinico: lo studio Funagata

Astratto Lo scopo di questo studio è determinare se il polimorfismo del gene dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE ) è associato al restringimento arteriolare retinico, un marcatore subclinico dell'ipertensione cronica. Lo studio Funagata ha esaminato un campione di popolazione giapponese di età superiore ai 35 anni; 368 partecipanti hanno eseguito sia misurazioni del diametro del vaso retinico che analisi di polimorfismo di inserimento / eliminazione dell'ACE ( ACE I / D). L

Sir William Osler e la natura dell'ipertensione essenziale

Sir William Osler e la natura dell'ipertensione essenziale

Soggetti Ipertensione Comunità scientifica Il 2 novembre 1912, William Osler, Regius professore di medicina all'Università di Oxford, pubblicò un articolo sul British Medical Journal intitolato Un indirizzo sull'ipertensione: le sue associazioni, i suoi vantaggi e svantaggi. 1 Era una recensione basata su una lezione che aveva tenuto alla Glasgow Southern Medical Society lo scorso ottobre al Royal College of Physicians and Surgeons di Glasgow. O

La produzione acuta di ossido nitrico indotta dall'esercizio fisico contribuisce alla sovraregolazione delle cellule progenitrici endoteliali circolanti in soggetti sani

La produzione acuta di ossido nitrico indotta dall'esercizio fisico contribuisce alla sovraregolazione delle cellule progenitrici endoteliali circolanti in soggetti sani

Astratto È stato dimostrato che l'esercizio fisico promuove il numero e l'attività delle cellule progenitrici endoteliali circolanti (EPC) nell'uomo, contribuendo al miglioramento della funzione endoteliale e al mantenimento dell'omeostasi cardiovascolare. Tuttavia, il meccanismo alla base dell'effetto dell'esercizio fisico sugli EPC circolanti in soggetti sani non è completamente compreso. Q

La pressione arteriosa notturna ma non l'insulino-resistenza influenza la funzione endoteliale nei pazienti ipertesi trattati

La pressione arteriosa notturna ma non l'insulino-resistenza influenza la funzione endoteliale nei pazienti ipertesi trattati

Soggetti Ipertensione Disturbi metabolici Astratto L'impatto della sensibilità all'insulina, della pressione arteriosa occasionale e della pressione arteriosa ambulatoriale di 24 ore sulla funzione endoteliale è stato studiato in soggetti ipertesi trattati. La dilatazione mediata dal flusso dell'arteria brachiale dopo riperfusione è stata utilizzata per determinare la funzione endoteliale. G

Variabilità della frequenza cardiaca e della frequenza cardiaca nell'ipertensione resistente rispetto all'ipertensione controllata e nella vera resistenza contro le camice bianche

Variabilità della frequenza cardiaca e della frequenza cardiaca nell'ipertensione resistente rispetto all'ipertensione controllata e nella vera resistenza contro le camice bianche

Soggetti Diagnosi Ipertensione terapeutica Astratto Il sistema nervoso simpatico ha un ruolo importante nell'ipertensione resistente. La frequenza cardiaca (HR) è un marker di attività simpatica, ma la sua associazione con ipertensione resistente non è stata valutata. Abbiamo mirato a valutare le differenze nei valori delle risorse umane e la variabilità tra pazienti resistenti e controllati e tra ipertesi reali e resistenti alle camice bianche (RH). Ab

Sottoinsiemi di globuli bianchi sono associati con lo spessore intima-media carotideo e la velocità dell'onda del polso in una popolazione cinese più anziana: lo studio di coorte sulla biobanca di Guangzhou

Sottoinsiemi di globuli bianchi sono associati con lo spessore intima-media carotideo e la velocità dell'onda del polso in una popolazione cinese più anziana: lo studio di coorte sulla biobanca di Guangzhou

Astratto Associazioni trasversali tra conta dei globuli bianchi (WBC), numero di linfociti e granulociti e spessore carotideo intima-media (IMT) e velocità delle onde del polso della caviglia brachiale (PWV) sono state esaminate in un nuovo campione della comunità cinese più vecchia. Un totale di 817 uomini e 760 donne provenienti da uno studio secondario del Guangzhou Biobank Cohort Study hanno avuto un emocromo completo misurato da un analizzatore ematologico automatizzato, IMT carotideo mediante ecografia B-mode e PWV brachiale-caviglia da una forma d'onda automatica non invasiva analizz

Ragioni dell'inerzia terapeutica nella gestione dell'ipertensione nella pratica clinica nei paesi non occidentali

Ragioni dell'inerzia terapeutica nella gestione dell'ipertensione nella pratica clinica nei paesi non occidentali

Astratto Una conoscenza insufficiente delle linee guida per l'ipertensione da parte dei medici può essere un ostacolo al raggiungimento di adeguati tassi di controllo della pressione sanguigna (BP) nella pratica clinica. Abbiamo quindi condotto un sondaggio di intervento aperto tra i medici di assistenza primaria in 1596 centri di 16 paesi in quattro diversi continenti per valutare in modo prospettico qual è l'obiettivo BP definito dai medici per i singoli pazienti e quali sono le ragioni per non intensificare il trattamento antiipertensivo quando gli obiettivi BP non sono raggiunto.

Relazione tra modelli di grasso corporeo, idoneità fisica e pressione sanguigna dei bambini sudafricani nelle aree rurali: Ellisras Longitudinal Growth and Health Study

Relazione tra modelli di grasso corporeo, idoneità fisica e pressione sanguigna dei bambini sudafricani nelle aree rurali: Ellisras Longitudinal Growth and Health Study

Astratto Il presente studio ha studiato la relazione tra pressione sanguigna (BP), modelli di grasso e parametri di fitness dei bambini di Ellisras di età compresa tra 7 e 13 anni. Inoltre, è stata effettuata una valutazione dei modelli di grasso corporeo per determinare i soggetti con il più alto rischio di sovrappeso, ipertensione e rapporto vita-fianchi al di sopra del 90 ° percentile. So

Associazione tra rigidità arteriosa e resistenza cerebrovascolare negli anziani

Associazione tra rigidità arteriosa e resistenza cerebrovascolare negli anziani

Astratto La rigidità arteriosa è un fattore di rischio cardiovascolare accertato che influenza le proprietà emodinamiche nel microcircolo. Abbiamo testato l'ipotesi che un aumento della rigidità arteriosa sia associato ad un aumento della resistenza cerebrovascolare negli anziani. La velocità dell'onda del polso alla caviglia (baPWV), utilizzando la tonometria arteriosa, e il flusso ematico cerebrale anteriore (aCBF), utilizzando l'ecografia extracranica, sono state misurate in 26 partecipanti (67-92 anni). Le

DASH abbassa la pressione sanguigna negli ipertesi obesi oltre a potassio, magnesio e fibre

DASH abbassa la pressione sanguigna negli ipertesi obesi oltre a potassio, magnesio e fibre

Astratto Il meccanismo alla base della riduzione della pressione arteriosa (BP) nell'alto braccio di frutta e verdura dello studio Dietary Approaches to Stop Hypertension (DASH) è sconosciuto ma può includere potassio, magnesio e fibre. Questo studio è stato progettato per separare minerali e fibre da altri componenti di DASH sulla BP in soggetti obesi addominali con sindrome metabolica con ipertensione pre-ipertensione allo stadio 1 dell'ipertensione (ipertesi obesi). U

Variabilità della pressione arteriosa nei bambini con ipertensione essenziale

Variabilità della pressione arteriosa nei bambini con ipertensione essenziale

Astratto Lo scopo di questo studio era di valutare la variabilità della pressione arteriosa (BPV) e i suoi determinanti nei bambini ipertesi non trattati. Il gruppo di studio era composto da 124 bambini, 91 ragazzi e 33 ragazze, di età compresa tra 14, 9 ± 2, 5 con ipertensione essenziale e nessun uso di farmaci antiipertensivi. I

Grand Round alla British Hypertension Society: stenosi dell'arteria renale

Grand Round alla British Hypertension Society: stenosi dell'arteria renale

Astratto L'angioplastica dell'arteria renale per l'ipertensione renovascolare è un argomento controverso con dati considerevoli ma poche certezze. Questo articolo è una sintesi del Grand Round sull'ipertensione renovascolare tenutosi alla Conferenza annuale della British Hypertension Society nel settembre 2006.

I livelli di acido urico predicono la pressione sanguigna futura e ipertensione di nuova insorgenza nella popolazione giapponese generale

I livelli di acido urico predicono la pressione sanguigna futura e ipertensione di nuova insorgenza nella popolazione giapponese generale

Soggetti Ipertensione Marcatori predittivi Astratto Abbiamo testato l'ipotesi che i livelli di acido urico predicano l'ipertensione di nuova insorgenza nella popolazione generale giapponese. Le persone normotensive che hanno visitato il nostro ospedale per un controllo sanitario annuale ( n = 8157, uomini = 61, 0% ed età = 50, 7 ± 12, 2 anni) sono state arruolate nel presente studio.

Acido urico e fibrinogeno: relazioni modulate in base all'età con componenti della pressione arteriosa

Acido urico e fibrinogeno: relazioni modulate in base all'età con componenti della pressione arteriosa

Soggetti Invecchiamento Ipertensione Marcatori prognostici Astratto I dati di uno studio trasversale condotto sulla popolazione condotto nella città di Bollate (Milano) sono stati usati per verificare se esiste una relazione modulata per età tra i componenti della pressione arteriosa (BP) e i livelli di acido urico plasmatico e fibrinogeno.

Ipertensione non trattata: prevalenza e fattori e convinzioni del paziente associati al trattamento insufficiente in un campione di popolazione

Ipertensione non trattata: prevalenza e fattori e convinzioni del paziente associati al trattamento insufficiente in un campione di popolazione

Soggetti Epidemiologia Ipertensione Fattori di rischio terapeutica Astratto Identificare gli ostacoli alla gestione dell'ipertensione può facilitare la riduzione del rischio cardiovascolare. Pertanto, il nostro obiettivo era determinare la prevalenza dell'ipertensione non gestita con i farmaci ("non trattati") in un campione rappresentativo per adulti e identificare i fattori / credenze del paziente e gli aspetti della relazione paziente-medico di medicina generale (GP) associati all'ipertensione non trattata.

Acido urico e profilo cardiovascolare di uomini africani e caucasici

Acido urico e profilo cardiovascolare di uomini africani e caucasici

Soggetti Malattia cardiovascolare Epidemiologia Astratto La popolazione africana è considerata un gruppo ad alto rischio per lo sviluppo dell'ipertensione e l'identificazione dei fattori di rischio è quindi essenziale nelle azioni preventive contro le malattie cardiovascolari (CVD). Livelli elevati di acido urico (UA) sono spesso associati a CVD.

Previsione della crisi ipertensiva in base alla media, alla variabilità e all'entropia approssimativa del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa nelle 24 ore

Previsione della crisi ipertensiva in base alla media, alla variabilità e all'entropia approssimativa del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa nelle 24 ore

Astratto L'entropia approssimativa (ApEn) della pressione arteriosa (BP) può essere facilmente misurata sulla base di un software che analizza il monitoraggio ambulatoriale della PA 24 ore (ABPM), ma il valore clinico di questa misura non è noto. In uno studio prospettico abbiamo studiato se l'ApEn della BP prevede, oltre alla media e alla variabilità della BP, il rischio di crisi ipertensive. I

Nonostante le linee guida basate sull'evidenza, la pressione arteriosa sistolica rimane inadeguatamente controllata negli anziani ipertesi

Nonostante le linee guida basate sull'evidenza, la pressione arteriosa sistolica rimane inadeguatamente controllata negli anziani ipertesi

Astratto Abbiamo mirato a valutare le tendenze in termini di prevalenza, consapevolezza, trattamento e controllo dell'ipertensione negli uomini e nelle donne finlandesi di età compresa tra 60 e 74 anni. Nel 1997, 2002 e 2007 sono state condotte tre indagini indipendenti sulla popolazione trasversale nella provincia della Carelia settentrionale e nella regione di Helsinki-Vantaa.

Associazione di ipertensione con lipoproteine ​​piccole e dense a bassa densità in pazienti senza sindrome metabolica

Associazione di ipertensione con lipoproteine ​​piccole e dense a bassa densità in pazienti senza sindrome metabolica

Soggetti Ipertensione Le lipoproteine Sindrome metabolica Astratto Una proporzione più elevata di lipoproteine ​​piccole, dense a bassa densità (sdLDL) è nota per essere associata a un'alta prevalenza di malattie cardiovascolari in associazione con sindrome metabolica (SM). L'ipertensione (HTN) è uno dei fattori di rischio noti per la SM. Tuttav

Effetto della posizione supina rispetto alla posizione seduta sulla valutazione non invasiva della forma d'onda della pressione aortica: uno studio incrociato randomizzato

Effetto della posizione supina rispetto alla posizione seduta sulla valutazione non invasiva della forma d'onda della pressione aortica: uno studio incrociato randomizzato

Soggetti Biologia cardiovascolare Diagnosi Astratto I biomarcatori derivati ​​in modo non invasivo dalla forma d'onda della pressione sanguigna aortica (BP) forniscono informazioni sul rischio cardiovascolare (CV) indipendentemente dalla BP brachiale (bBP). Sebbene la posizione del corpo abbia un impatto significativo sulla valutazione del bBP, il suo effetto sull'emodinamica aortica rimane sconosciuto. Qu

L'allenamento fisico influenza favorevolmente le risposte autonome e della pressione sanguigna durante stressanti mentali e fisici negli uomini afro-americani

L'allenamento fisico influenza favorevolmente le risposte autonome e della pressione sanguigna durante stressanti mentali e fisici negli uomini afro-americani

Astratto L'esercizio aerobico è un potente meccanismo attraverso il quale è possibile migliorare i parametri cardiovascolari e autonomi. Abbiamo cercato di quantificare l'entità del beneficio che potrebbe essere ottenuto da un regime di esercizio monitorato a breve termine su diversi parametri autonomici durante stressori mentali e fisici riconosciuti in giovani uomini afroamericani normotesi abbinati per una storia familiare di ipertensione, un gruppo ad alto rischio per lo sviluppo dell'ipertensione. L

Scelta degli editori: recenti punti salienti del diario dell'ipertensione umana

Scelta degli editori: recenti punti salienti del diario dell'ipertensione umana

Soggetti Ipertensione Il campo dell'ipertensione ha visto notevoli progressi negli ultimi anni. Al Journal of Human Hypertension , speriamo sicuramente di aver arricchito la letteratura mondiale, con particolare enfasi su aspetti dell'ipertensione umana che potrebbero avere un impatto sulla nostra pratica clinica quotidiana

CRP nei non-dipper: nuove prospettive e vecchie query

CRP nei non-dipper: nuove prospettive e vecchie query

La proteina C-reattiva (CRP), un biomarcatore molto sensibile dell'infiammazione sistemica, è un reagente in fase acuta che è stato scoperto oltre 70 anni fa per essere una proteina del sangue che si lega al polisaccaride C degli pneumococchi. CRP è il biomarcatore più affidabile e accessibile per uso clinico. Ne

Immergere o non immergere? La relazione unica tra i diversi modelli di pressione sanguigna e la funzione e la struttura cardiaca

Immergere o non immergere? La relazione unica tra i diversi modelli di pressione sanguigna e la funzione e la struttura cardiaca

Soggetti Biologia cardiovascolare Ipertensione Astratto I pattern di immersione e non pressione della pressione sanguigna (BP) sono associati a diversi livelli di danno agli organi bersaglio e rischio cardiovascolare. Lo scopo della nostra indagine era determinare la relazione tra i diversi schemi BP (immersione, non immersione, immersione estrema e tipo di immersione inversa) e la struttura cardiaca e la funzione nei pazienti ipertesi

Analisi quantitativa della contrattilità ventricolare sinistra sotto stress: un nuovo approccio pratico nel follow-up dei pazienti ipertesi

Analisi quantitativa della contrattilità ventricolare sinistra sotto stress: un nuovo approccio pratico nel follow-up dei pazienti ipertesi

Soggetti Ipertrofia cardiaca Stress e resilienza Astratto Nell'ipertrofia dell'ipertensione ipertensiva sono state descritte un'eccessiva attività simpatica e l'ipercontrattilità ventricolare sinistra (LV) indotta da stress. Dati quantitativi recenti hanno dimostrato che l'ipertrofia dell'ipertensione ipertensiva è associata alla funzione LV globale conservata. T

Motivazione e progettazione dello studio KYOTO HEART: effetti di valsartan sulla morbilità e mortalità in pazienti ipertesi non controllati con alto rischio di eventi cardiovascolari

Motivazione e progettazione dello studio KYOTO HEART: effetti di valsartan sulla morbilità e mortalità in pazienti ipertesi non controllati con alto rischio di eventi cardiovascolari

Soggetti Farmacologia clinica Ipertensione Sindrome metabolica L'articolo originale è stato pubblicato il 18 settembre 2008 Correzione a : Journal of Human Hypertension (2009) 23 , 188–195; doi: 10.1038 / jhh.2008.116; pubblicato online il 18 settembre 2008 Gli autori vorrebbero correggere l'affiliazione di Nobuo Shirahashi, che è stato incluso nell'appendice come parte dell'organizzazione di analisi statistica. Pe